Gallery
 

Geologia di Citera

L’isola di Citera si estende per una superficie di 284 kmq. Ha una lunghezza di 29 km e una larghezza di 18 km. Le zolle tettoniche, che compongono l’isola di Citera si presentano in Macedonia, in Tessaglia, nella Grecia continentale, nel Peloponneso e a Creta. La morfologia dell’isola è montuosa, con le coste scoscese e un bacino nella sua parte orientale. Citera appartiene al sistema alpino e più particolarmente al ramo meridionale del sistema orogenetico del Tithyo (Papanikolaou, 1986). Il ramo meridionale del sistema orogenetico del Tithyo comprende gli Appennini, le Alpi meridionali, le Alpi Dinariche, le Tauridi, le Iranidi e, poi, un’altra catena montuosa, fino all’Himalaya. Il basamento geologico di Citera è costituito da formazioni, che appartengono alle seguenti zolle tettoniche: quella di Arna, quella di Tripoli e quella del Pindo, mentre la parte orientale dell’isola è protetta da depositi recenti.


Carta geologica di Citera (scala 1:1.000.000, IΓME 2001)

Le sorgenti di Citera

Sull’isola di Citera esistono molte sorgenti, delle quali la maggior parte è situata nella parte centrale e settentrionale. Sicuramente alcune di quelle nella parte settentrionale sono minerali. Le più importanti di queste si trovano a Mylopotamo, a Mitata, a Viaradika, a Gonies, a Krya Vrysi, a Perati, a Ochelles, a Petrouni e a Karavà.

Torna Su
  • Secondo Isiodo la dea Afrodite è nata nel mare di Citera