Le piante officinali di Citera

La flora dell'isola di Citera conta 723 specie vegetali. Molte di queste piante presentano proprietà benefiche per l'organismo umano e vengono definite curative. Nella tradizione medica popolare le erbe sono utilizzate da migliaia di anni, mentre oggi costituiscono una soluzione alternativa di terapia. L'uso delle erbe a fini terapeutici presuppone conoscenza ed esperienza per non causare danni all'organismo. A tal fine è bene chiedere la consulenza di un esperto di piante medicinali (fitoterapeuta) per un uso corretto e sicuro delle erbe, così come va informato il medico di famiglia nel caso il paziente soffra di altre patologie.

Qui parleremo delle piante medicinali più importanti dell'isola, sia che crescano spontaneamente nei sottoboschi, nei terreni a riposo o lavorati, sia che vengano coltivate dall'uomo in zone urbane come giardini e frutteti. La selezione delle erbe è basata sull'album "Nei sentieri dell’ape", una pubblicazione dell'Associazione Citera di Atene sulla flora di Citera, che ci ha dato l'autorizzazione a pubblicare le informazioni e il materiale fotografico. Di ogni pianta sono fornite le informazioni essenziali, la denominazione scientifica, la famiglia, e i vari nomi con cui viene indicata a Citera e in Grecia. Oltre a questo abbiamo ritenuto opportuno menzionare le principali proprietà terapeutiche e il processo di raccolta di ogni erba, sulla base delle informazioni che abbiamo ottenuto, per la maggior parte, dalla pubblicazione di Costas Bazeos "100 erbe, 1000 Cure" (edizioni Bazeos). Infine proponiamo idee nuove per altri usi di queste erbe.

Potrete quindi conoscere le erbe di Citera, e percorrere i sentieri dell'isola per scoprire ed apprezzare le loro proprietà curative. Buona passeggiata!


  • Timo Timo e timo selvatico sono due piante diverse Anche se le differenze sono sottili, gli apicoltori riescono facilmente a distinguere le due piante nel terreno, con qualche difficoltà nelle fotografie.
  • Cappero I germogli e le foglie sono messi sott'aceto e usati come condimento fin dall'antichità. Si trovano frequentemente per le strade del paese.
  • Erba di San Giovanni, Iperico Si tratta di una pianta per tinture. Il pigmento giallo ricavato dai fiori è solubile in acqua, mentre il pigmento rosso ricavato stami e frutti è solubile in alcool.
  • Melograno Tra le piante che sono state dedicate in tempi antichi a Venere. È una pianta resistente e a Citera è coltivata come un tempo, ma senza particolare attenzione.
  • Pino Il pino è tra le più antiche piante della flora di Citera, anche se Gerard de Nerval afferma di aver visto pochi pini isolati durante la sua permanenza nell'isola. Il pino venne piantato su vasta scala diversi decenni fa, creando grandi o piccole pinete in aree come Potamòs, Gerakari, Mirtìdia, Vroulèa e Kapsali.
  • Olivo La coltivazione sistematica degli alberi di ulivo cominciò a Citera durante il dominio britannico. Ancora oggi dal punto di vista economico è la più importante rispetto alle altre coltivazioni.
  • Cipresso Anche se s'incontra allo stato selvatico, si trova più volte come pianta ornamentale nei giardini, nei campi in cui viene utilizzato come frangivento e nei cimiteri, come tradizionalmente avviene in tutta la Grecia.
  • Valeriana rossa Appartiene alla famiglia della valeriana. Si tratta di una pianta ornamentale e per questo viene spesso coltivata nei giardini. La pianta spontanea predilige terreni rocciosi.
  • Zafferano Omero menziona i fiori di zafferano per il suo uso come pianta aromatizzante e colorante. Preferiscono stare "a distanza" da altre piante.
  • Rosmarino Al di fuori delle proprietà officinali e del suo uso in cucina, al rosmarino si attribuisce la capacità di purificare l'atmosfera e di 'cacciare' gli spiriti maligni.
  • Fico Il fico è uno degli alberi più diffusi nelle campagne, crescono rapidamente e molto facilmente, col risultato che si trovano perfino sui muri.
  • Finocchio marino Da luglio a ottobre si trova in quasi tutte le spiagge di Citera. Le sue foglie vengono raccolte prima della fioritura, vengono messe sotto sale e se ne fanno sottaceti.
  • Alcea pallida Di solito lo si trova coltivato come pianta ornamentale (usanza molto antica). Possiede proprietà officinali. I fiori vanno dal rosa chiaro al viola.
  • Carota selvatica È forse antenata della carota commestibile. A Citera è particolarmente diffusa. Molte volte supera il metro di altezza. Al momento della fioritura, sono molti gli insetti che attira sul suo grande fiore piatto e tondo.
  • Agghinara Ritenuto da molti un ottimo spuntino nonostante sia difficile pulirlo. Preferito a Citera principalmente al forno con abbondante olio d'oliva e sale grosso, una ricetta probabilmente nota solo a Citera giacché nella zona di Creta è mangiato per lo più crudo.
  • Radicchio Cresce lungo le strade nei terreni incolti e sassosi. È tra le erbe più comuni da lessare, raccolta prima che fioriscano i germogli.
  • Camomilla La camomilla ha preso il nome dal suo odore (mela di terra) e il primo a riferire le sue proprietà attive è il padre della medicina Ippocrate, che la considerava emmenagogo e rimedio contro l'isteria.
  • Erba medica marina Una delle 25 specie autoctone di erba medica in Grecia. Tipica specie sabbiofila che preferisce spiaggia di sabbia vicino al mare, dove crea piccoli cespugli striscianti.
  • Erba fragola Chiamata nell'antichità Tordylion, come riferisce Dioscoride. Veniva consigliata nelle nefropatie. È tra le erbe aromatiche più importanti in Grecia.
  • Mandragola autunnale Pianta conosciuta fin dai tempi antichi per le sue sostanze benefiche. Veniva usata per la cura di molte malattie. Citato da Teofrasto e Dioscoride.
  • Mandorlo È ben acclimatato a Citera e cresce dappertutto. Anche se una volta la sua coltivazione a Citera era sistematica, oggi la sua coltivazione è quasi abbandonata.
  • Ortica La pianta di ortica ha molte utilizzazioni. Migliora la qualità del terreno dove cresce. Contiene ferro, vitamine, vari sali minerali e acido formico.
  • Erba medica L'erba medica è generalmente detta trifoglio comune. Presumibilmente arrivò in Grecia dalla regione della Media durante le guerre greco-persiane del V secolo a.C., da cui fu chiamata "medica".
  • Corbezzolo I corbezzoli sono diffusi in varie parti dell'isola. Un gran numero di essi si trova nel "Bosco di corbezzoli" della zona di Gerakari, tra abeti, pini ed eucalipti.
  • Agriagghinara Questo cardo selvatico dal caratteristico fiore bianco e le foglie spinose distese tutt'intorno a terra, predilige le zone costiere del nostro paese.
  • Boragina Pianta annuale ricca di potassio e nitrati, caratteristiche che le conferiscono una varietà di usi officinali. Pianta pelosa. Le foglie sono commestibili.
  • Ruta d'Aleppo Ha un odore molto sgradevole. Era già nota presso gli antichi. Ateneo racconta che era usata come antidoto per i veleni.
  • Eucalipto È un albero originario dell'Australia. Sull'isola venne piantato singolarmente vicino a case, piazze e campi, ma anche in grandi piantagioni di alberi.
  • Alloro Arbusto che in determinate condizioni può diventare albero e in alcuni casi anche di grandi dimensioni. Resiste bene nella siccità, ma se riceve acqua cresce più velocemente.
  • Salvia minore Viene considerata infestante, anche se questa pianta erbacea ha molte proprietà medicinali note fin dall'antichità. Presso gli antichi era altamente apprezzata e considerata una panacea per tutte le malattie.
  • Salvia Caratteristica pianta aromatica di Citera, usata anche in apicoltura. Con le sue foglie, che vengono raccolte nel mese di settembre e poi essiccate, viene prodotta la bevanda forse più popolare di Citera.
  • Crisantemo giallo Uno dei fiori più comuni in primavera, con diffusione in tutta Citera. Sono commestibili i teneri germogli prima della fioritura, per lo più nella parte meridionale dell'isola.
  • Capelvenere Ama l'umidità e l'ombra, quindi spunta di solito in rocce vicino a sorgenti, pozzi o corsi d'acqua. Ci sono circa 200 specie di Adiantum in tutto il mondo, ma in Grecia troviamo solo questa.
  • Corinoli comune È una pianta biennale glabra con fusto spesso e foglie verde scuro. Lo si trova abitualmente in luoghi ombrosi e rocciosi e in campi non coltivati​​.
  • Lavanda selvatica Pianta aromatica-curativa e oltre al decotto si usa moltissimo come olio essenziale. Usato in profumeria, per fare saponi e nella farmaceutica.
  • Martolùludo Così chiamata perché fiorisce a marzo. A Citera si trova dappertutto, dalle spiagge sabbiose alle alture collinari.
  • Malva selvatica Pianta molto comune in Grecia e Citera. Plinio la chiamava "cibo dei poveri". È molto comune ai bordi delle strade.
Torna Su
  • Secondo Isiodo la dea Afrodite è nata nel mare di Citera